Chiunque abbia pensieri, parole, immagini o altri frammenti della vita di Babbo che voglia condividere a rinforzo di queste pagine da lui create, può inviarli al suo indirizzo email (che ora leggo io), o direttamente a francesco.scialpi@gmail.com.
Grazie, Francesco


... ciao bà ...

domenica 16 marzo 2008

Vaga Luna che inargenti...

1. Prima della venuta di Cristo, ma non soltanto, c’era un popolo che la storia ha continuamente rivalutato, nel corso dei secoli, per la sua civiltà, la sua religione, la sua operosità, nonché la sua energia. Questo popolo erano i Celti. Erano abili e coraggiosi guerrieri, capaci artigiani, ma soprattutto erano sorretti da una religione semplice e profonda; semplice perché adoravano il sole, i fiumi, le stelle, la luna; profonda perché erano guidati da persone sagge e di riferimento: i famosi druidi, preti di alta cultura che predicavano e credevano già nella trasmigrazione delle anime. Vivere bene per lasciare il segno della propria esistenza! Possiamo dedurre una vita forte e coraggiosa sostenuta da abilità artigiane e fede nelle cose naturali che ordinano la vita. Il fatto poi che si credeva nella trasmigrazione delle anime rendeva la vita di grande importanza spirituale sia per quanto riguardava la quotidianità che soprattutto l’eternità e quindi la continuità dell’esistenza umana..

2. Come non credere nel sole, nei fiumi, nei monti, nella luna! Alla luna è poi legata una lunga tradizione astrologica, ma anche umana e fisica. La luna è un satellite fedele, simboleggiata da un mezzo cerchio, da una sola faccia: potremmo paragonarla alla nostra origine in quanto simboleggia la passività, ma soprattutto la ricezione, l’accoglimento femminile, e quindi la maternità. Galileo diceva: “Io ho fin qui chiamato luna quel corpo il quale sento per sua natura, atto a ricevere e ritenere, senza trasmettere, il lume del sole, alla vista del quale è continuamente esposta.” San Bernardino da Siena diceva che la luna è il mondo. “Tu vedi la luna che è bella, ma è anche fredda!” La luna riesce a distribuire la vitalità e l’energia del sole. Potremmo affermare che alla luna si potrebbe attribuire la nostalgia della nostra infanzia, della nostra origine, dell’inizio della comprensione e della protezione. Se questo è vero potremmo anche affermare che la luna influenza le nostre scelte e la nostra vita e quindi regola la nostra memoria e la nostra immaginazione, come la nostra creatività. Una sorta di legame tra l’uomo e la natura, o meglio le forze che misteriosamente influenzano l’agire dell’uomo, come pure l’amore materno.

3. La luna è il solo satellite naturale della terra. Non possiede altro nome formale oltre quello di luna (dal latino) e di selene (dal greco) Il primo oggetto umano che atterrò sulla luna fu Luna 2, nel 1959 e poi Luna3, nello stesso anno che fotografò le due facce lunari, mentre le prime persone ad atterrare sulla luna furono quelle dell’Apollo 11, in 1969.
La luna è in rotazione sincronica, il che significa che essa mantiene la stessa faccia rivolta verso la terra sempre. La faccia che la luna mostra alla terra è chiamata faccia vicina, l’altra si chiama faccia lontana, detta anche faccia scura, che significa sconosciuta, nascosta e non priva di luce come si pensa possa essere; in effetti la faccia distante riceve luce quanto la faccia vicina, ma in diverso tempo. Le navicelle spaziali sono tagliate dai contatti radio con la terra quando sono nella faccia lontana della luna. La luna compie una orbita completa attorno alla terra ogni 27,3 giorni circa. Il mese sinodico è di 29,5 giorni. La differenza è data dal fatto che la luna e la terra, nel frattempo, hanno raggiunto una certa distanza orbitale dal sole. C’è anche il moto di rivoluzione che compie, sincronizzato con quello della terra, attorno al sole e causa le cosi dette fasi lunari. L’attrazione gravitazionale che la luna esercita sulla terra è la causa delle maree.
Il periodo del flusso della marea è sincronizzato all’orbita della luna attorno alla terra. I flussi della marea sulla terra, causati dalla gravità della luna, sono portate oltre la posizione apparente della luna dalla rotazione della terra., in parte a causa della frizione dell’acqua mentre scivola sul fondo dell’oceano e dentro e fuori i delta e gli estuari. Movimento sincronico. La luna è in rotazione sincronica in quanto mostra sempre la stessa faccia alla terra. The dark side of the moon. Quando la luna è nel suo perigeo, la sua rotazione è più lenta del movimento orbitale e questo ci permette di vedere 8 gradi oltre di longitudine del suo lato orientale. Al contrario, quando la luna raggiunge il suo apogeo, la sua rotazione è più veloce del movimento orbitale e rivela altri 8 gradi di longitudine del suo lato occidentale. Questa viene chiamata oscillazione longitudinale.

4. In astrologia si dice che la luna sia regolatrice del sonno e dei sogni. Il numero 2 è governato dalla Luna per cui alle persone nate il giorno 2, 11, 20 o 29 di ogni mese la luna conferisce una natura romantica. Queste persone sono pacifiche e gentili, ma insicure. Hanno bisogno di una guida che le rassicuri. Faticano a tradurre in pratica le loro idee, ma fino a quando non trovano il sole amico. Allora sono invincibili.
Quando la Luna è in un segno di Fuoco, si reagisce ai cambiamenti di esperienza con azione diretta e entusiasmo. Nell'Ariete in un modo aggressivo, impaziente, forte o diretto e competitivo. Dona entusiasmi eccessivi, cambiamenti bruschi. Destino instabile. Nel Leone con calore generosità ed entusiasmo. La luna in questo segno è indice di fortuna e buona riuscita.
Nel Sagittario in modo entusiastico e idealistico, su una base religiosa o filosofica.E' indice di natura espansiva socievole.
Quando la luna è nei segni di Terra, si reagisce con fermezza e stabilità.Nel Toro reagisci lentamente a ogni esperienza, mantieni stabilità e ponderatezza. La luna ti dona una forte sensualità. Con la Luna nella Vergine reagisci con un adattamento pratico a tutti gli stimoli, in modo analitico. Nel Capricorno reagisci con autocontrollo e determinazione: talvolta in modo negativo e automatico.
Quando la luna è nei segni d'Aria, si affrontano i cambiamenti d'esperienza con previdenza e valutazione obiettiva. Nei Gemelli reagisce in maniera rapida, percettiva mutevole, con infinita curiosità ma anche diplomazia. Nella Bilancia si reagisce con obiettività, si soppesano tutti i lati di una situazione, il che può contribuire ad una indecisione. Dona allegria. La luna nell' Acquario reagisce in modo imprevedibile, eccentrico e con distaccata obiettività, a volte con scarsa sensibilità Si sente sicuro se può esercitare una completa libertà di idee.
Quando la luna è nei segni d'acqua si reagisce con sensibilità ed emotività.Nel Cancro reagisce con estrema sensibilità e con senso protettivo nei confronti degli altri ma tende a lasciar correre. Nello Scorpione con intensità, passionalità. In modo indipendente ed energico. Nei Pesci reagisce con sensibilità passione, empatia vaghezza, vulnerabilità e idealizzazione.
Importante è la scelta dei colori, specialmente quando si tratta di incontrarsi con se stesso, di ripensarsi, di meditare. I colori usati in Oriente per meditare sono l'arancione o lo zafferano, in Occidente, al porpora e malva sono attribuite valenze spirituali, nel buddhismo tibetano si usa il rosso, per molti è il bianco il colore per eccellenza, essendo un colore puro, freddo, non sviante. Il verde e il blu sono rilassanti e predispongono ad uno stato d'animo sereno.I colori e il loro uso esercitano un notevole influsso sulla nostra predisposizione d'animo e indirettamente sul benessere fisico. Provate ad indossare abiti dai colori non convincenti e vi accorgerete quanto sia insostenibile quella mise, anche se bella o nuova, Crea disagio persino spirituale.
Ad ogni segno zodiacale è abbinato un colore da meditazione, calcolando che la luna nel suo moto si ferma due giorni e mezzo circa in ciascun segno, potremmo abbinare il colore del segno zodiacale ove la luna soggiorna alla nostra meditazione. Per esempio: Cancro= colore verde (guarda tabella) ; Ariete: dall’indaco al bianco azzurrino; Toro: blu scuro intenso; Gemelli: blu chiaro; Cancro e leone: verde; Vergine; giallo; Bilancia : arancione; Scorpione; rosso; Sagittario: giallo arancio; Capricorno: verde; Acquario: blu chiaro; Pesci: bianco, azzurrino .

5. Un vecchio detto orientale sostiene che il sole divora tutto il nettare che fluisce dalla luna, motivo per cui il corpo è condannato ad invecchiare e a morire. Ma l’influsso della luna sul carattere, sul comportamento e sulla stabilità psichica sono proverbiali. La luna è l’emblema dell’amore, dell’amicizia e della concordia: Luna di miele (primo mese lunare di amore e di concordia): Regalare la luna a qualcuno. Notte di luna. La luna simboleggia anche il carattere forte: Mandare qualcuno nel mondo della luna. Mostrare luna per sole. .. o un carattere fragile: Vivere nel mondo della luna. Cascare dalla luna. Guardare la luna. Instabilità psichica: carattere lunatico. Avere la luna di traverso. Essere come o peggio la luna di Bologna. Si può sostenere che la luna favorisce la meditazione nell’uomo e libera la mente dal brusio interiore che la domina per penetrarla in profondità e ritrovare la nostra vera natura, libera da ansie e da desideri, da speranze e paure. La meditazione porta alla riscoperta di qualcosa che è sempre stato dentro di noi, porta una maggiore sensibilità e consapevolezza, una profonda pace con noi e una comprensione con la natura.
L’uomo è spesso posseduto da 4 pensieri: Il pensiero negativo che porta in sé sentimenti di rabbia, tristezza, paura, disagio, e ci rende egoisti. Il pensiero dispersivo, dissipatore, sprecone perchè ci fa perdere tempo a lamentarci per cose che sono al di fuori del nostro controllo. Il terzo pensiero è il pensiero necessario, devo pagare il bollo dell'auto. L'ultimo, il più nobile è il pensiero positivo, che incoraggia l'amore, la pace, la serenità, l'armonia e la felicità. Per imparare a meditare non basta leggere dei buoni libri, la loro guida non sostituisce quello che si impara dalla pratica personale della meditazione, dipende prima di tutto e soprattutto dall'esperienza diretta.
Fermatevi, chiudete gli occhi e volgete l'attenzione dentro di voi, controllate che tutto il corpo sia rilassato e non ci siano tensioni muscolari. Sentite il vostro respiro calmo e regolare. Nella calma di corpo e mente richiamate il pensiero come se fosse una persona e vedrete come la vostra mente sarà più libera. Osservate i pensieri che passano nella vostra mente, ma nel modo oggettivo, non giudicateli non cercate di attaccarvi a quelli più piacevoli o respingere quelli spiacevoli, osservateli , semplicemente osservateli.
E' incredibile, la mente è vuota quando volete un pensiero e lo chiamate, piena di pensieri quando volete mandarli via. La meditazione è un modo di vivere, un sentiero senza fine. Iniziate con pochi minuti al giorno. Bisognerebbe farne una pratica quotidiana per allenare la mente a concentrarsi su pensieri costruttivi ed abolire le distrazioni.
Dice Turakam: "Come si può trattenere la mente che corre dietro ai piaceri sensuali? Lasciate che la mente corra, ma voi rimanete quieti dove siete. Non lasciate che il corpo corra dietro una mente irrequieta. Dite alla mente: Non ti darò il mio corpo come servo. Allora la mente desisterà e potrà essere sconfitta." Perché avrò acquistato maggiore serenità e chiarezza ed avrà aumentato le proprie capacità di introspezione.

6. Pittura. La “Luna gallery” presenta una esposizione di opera pittoriche in continuo rinnovamento di artisti locali, regionali e nazionali. Circa 5° artisti di otto nazioni presentano i loro dipinti, fotografie, sculture e ceramica decorata. Una diversità artistica internazionale tutta ispirata alla luna. C’è un racconto che parla di un artista, Charles Cham, che iniziò a dipingere all’età di 5 anni ispirato dal primo film che ha visto. E’ la storia di un artista con una spatola magica; tutto ciò che dipingeva diventava vivo. Dipingeva gli uccelli ed essi volavano via; dipingeva dei pesci e nuotavano nel fiume; infine dipinse una donna, divenne viva e se ne innamorò. Quando Charles ritornò a casa quel giorno dopo il film, iniziò a dipingere il ritratto di un pittore sul pavimento con del gesso. Fu il suo primo ritratto. Dopo aver lavorato come artista capo a Kuala Lumpur, andò in Francia a dipingere. Divenne socio dell’Associazione indipendente degli artisti, in Aix-en-province ed espose nel salone degli Indipendenti nel 1990. Nel 1993 creò il suo studio nel quartiere del paese natio di Malacca, Malaysia. Le opere di Cham sono basate sulla filosofia di Yin and Yang: la dualità della vita e dell’attrazione degli opposti. Egli crede nel fatto che ogni cosa possiede un altro lato, visibile e non. Le opere sono infatti multiple: due opere su una sola tela, ognuno rivolta in direzione opposta. La semplicità è lo stato più profondo che una persona può raggiungere, nell’arte e nella vita. Non c’è dipinto senza disegno. Il disegno è la base di tutto, la madre dell’arte. Il disegno è l’idea, il pensiero; la pittura è l’emozione, l’espressione. Io credo che disegnare sia pensare e pensare sia sentire. Pertanto, si disegna ciò che si pensa e si dipinge ciò che si sente. Poiché non c’è nessun sentimento senza pensiero, non c’è nessun dipinto senza disegno. In questi termini possiamo affermare che l’ispirazione artistica in genere risente dei tanti flussi del pensiero e delle influenze del mondo fisico e ambientale. L’uomo parla con le persone vicine, come parla con se stesso, ma è quasi sempre ispirato e motivato da mille diverse opportunità che possono conferirgli il valore della ricerca o la preziosità della ispirazione. Quanta arte è nata soltanto perché l’ispirazione del momento erta quella giusta! Quanta musica è nata per esprimere quella forza interiore della passione, degli affetti e della bontà di vivere!
Questa occasione culturale ci ha permesso di capire maggiormente una delle maggiori fonti di ispirazione del talento dell’uomo, ma credo che la scoperta maggiore sia stata quella di aver considerato quanto le influenze degli astri, del mondo fisico e del mondo spirituale siano alla base di qualsiasi gesto umano, ma ancor più di qualsiasi forma di creatività artistica, ma anche di serenità dell’animo, proprio come suggerisce il titolo di Blue moon, Luna caprese e tutto quanto contribuisce ad elevare lo spirito delle genti.
Angelo Scialpi
Circolo Culturale “Lino Agnini - Villaggio San Giovanni – San Giorgio J. - Luglio 2006

Nessun commento: