Chiunque abbia pensieri, parole, immagini o altri frammenti della vita di Babbo che voglia condividere a rinforzo di queste pagine da lui create, può inviarli al suo indirizzo email (che ora leggo io), o direttamente a francesco.scialpi@gmail.com.
Grazie, Francesco


... ciao bà ...

martedì 25 dicembre 2012

Buon Natale 2012

L'Avvento ci impone momenti di riflessione su molti argomenti che assediano, con la loro criticità, la vita quotidiana degli uomini, e dei giovani in particolare per essere la nostra determinazione.
La condizione stessa del presepe viene a rafforzare, con la sua indicazione semantica di recinto che precede, il concetto forte della partecipazione, meglio se responsabile e adeguata al divenire dei tempi.
Nel recinto del presepe si raccolgono gli artigiani, i pastori, gli animali, le donne, le bellezze della natura semplice creata dal vischio e dalla terra stessa; all'interno la determinazione della luce che ognuno va ad adorare e ad illuminarsi, al tempo stesso, definendo il riferimento massimo (nato dalla trasformazione del verbo in carne) quale esempio di dedizione, di fedeltà e di adorazione.
Non sembri un caso il fatto che  si sia fatto ricorso all'uomo stesso per rappresentare la divinità; ma non sembri un caso nemmeno il fatto che in quel recinto si raccoglieva e si radunava la società del tempo, fiduciosa, adorante e partecipe dell’avvento.
In casa l'uomo, in società Dio! Per la soluzione dei piccoli problemi occorre l'uomo, per i grandi problemi occorre la politica, di dedizione e di servizio.
Credo che mai nessuno si sarebbe recato al presepe se all'interno della stalla ci fosse quanto negli ultimi tempi permette un gran parlare per via di certi  personaggi assetati del denaro raccolto nel recinto, anche con minacce, per trarre benefici  ludici, personali e fisici.
Rimane messaggio di luce quello del presepe, ma rimane anche un messaggio che richiama alla responsabilità, prima quella individuale della partecipazione e poi quella oggettiva della vita pubblica la cui moralizzazione può dipendere soltanto da noi, anche pagando un prezzo alto, ma sempre  molto basso per ricostruire l'onestà e la legalità.
Sia esso un Natale di luce: la luce della conoscenza e della ragione.

Buon Natale a tutti!

Nessun commento: