Chiunque abbia pensieri, parole, immagini o altri frammenti della vita di Babbo che voglia condividere a rinforzo di queste pagine da lui create, può inviarli al suo indirizzo email (che ora leggo io), o direttamente a francesco.scialpi@gmail.com.
Grazie, Francesco


... ciao bà ...

lunedì 29 aprile 2013

Rassegna d'Arte Contemporanea
Città di Massafra 2013

Dieci artisti pugliesi in mostra a Massafra. Dallo scorso 27 aprile la “Tebaide d’Italia” ospita la Rassegna d’Arte Contemporanea che fin dalle prime battute ha registrato un notevole riscontro di pubblico. Nell’elegante galleria di Corso Roma 107 espongono: Maria Anna Berardini (San Severo), Pino Caputi (Massafra), Giuseppe Cice (Bari), Giovanni Cimmarrusti (Adelfia), Umberto Colapinto (Gioia del Colle), Cosimo Marinò (Oria), Daniela Pagliaro (Andria), Rita Protopapa (Talsano), Rosario Rosafio (Taranto) e Vito Spada, organizzatore dell’evento.
Classe 1957, nato a Massafra, dove risiede e lavora come tecnico specializzato presso l’Heineken, Spada, autodidatta, ha coltivato da sempre la passione per l’arte. Quando ha deciso di proporsi al giudizio del pubblico e della critica ha ottenuto pareri favorevoli. Predilige il materico con aurei e argentei ghirigori, rombi, losanghe, cerchi concentrici, che alterna con elaborazioni digitali ed opere virtuali di potente impatto visivo. Tecnica, quest’ultima, con cui ha prodotto i suoi originali abbinamenti alle opere selezionate che impreziosiscono il catalogo della rassegna. Grazie al suo impegno, a Massafra si apre una nuova esperienza artistico-culturale che mira ad avvicinare cultori, esperti, appassionati e non al variegato mondo dell’arte contemporanea.

A giudicare dal felice esordio, Spada può già dirsi ampiamente soddisfatto: le espressioni creative degli artisti a confronto, emergenti ed affermati, stanno catalizzando anche l’interesse di numerosi giovani. L’evento si avvale del patrocinio del Comune e del sostegno di diverse realtà associative ed imprenditoriali del territorio che hanno creduto nella sua valenza culturale, in un momento in cui anche la cultura risente del freno della crisi economica. E una ricetta per ritrovare il giusto rilancio potrebbe giungere «dalla combinazione di passione, inventiva e metodo». Proprio «quella magia che - come sottolineato da Giuseppe Di Stasio, direttore dello stabilimento Heineken, nel corso del vernissage - fa nascere l’arte della pittura». La mostra è visitabile, fino al 5 maggio, tutti i giorni, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 21. (Ingresso libero. Info: 368.7870770). Domenica sera, la festa di finissage con un’estemporanea di pittura all’aperto che vedrà protagonisti, lungo Corso Roma, i dieci artisti. I lavori realizzati saranno messi in vendita e il ricavato interamente devoluto in beneficenza. L’arte è figlia sempre del proprio tempo, come ogni creazione dell’uomo, per cui non possiamo non includere questa pregevole esperienza all’interno della ispirazione che produce il nuovo, la modernità e ci permette di intuire, se non comprendere appieno, il cambiamento dei tempi e la diversa concezione di riferimenti che, per il solo effetto del tempo, assumono significanti diversi.

I motivi che hanno prodotto le opere in esposizione, non possono che abbellire la nostra esistenza, arricchirla ulteriormente e originare un dibattito su temi e immagini che certamente devono essere adeguati ai tempi per capirne il mutevole e pregnante valore in termini di continuità e di miglioramento della comprensione generale. È questo un coro a più voci, una sinfonia di pensieri e di interpretazioni che ci offrono il senso vero delle cose.

Angelo Scialpi - "la Repubblica" 29.04.2013
(Foto Giuseppe Russo)

Nessun commento: